Nella nostra quotidianità, dove la salute e il benessere sono al centro di un dibattito culturale e sociale in continuo evolversi, la lotta contro l’obesità severa si colloca come una delle sfide più complesse e delicate. Non si tratta di una mera questione di peso o di estetica; è una condizione multifattoriale che incide profondamente sulla salute fisica, psicologica e sul benessere generale dell’individuo.

In questo contesto complesso, la chirurgia bariatrica emerge come un’opzione terapeutica di rilievo per coloro che hanno esplorato senza successo altre vie per il controllo del peso. Tale procedura non solo offre una speranza tangibile di cambiamento, ma apre anche le porte a una nuova vita, segnata dalla promessa di salute e di rinnovato benessere.

Tuttavia, la chirurgia bariatrica non è un viaggio che si conclude con il successo dell’intervento. Al contrario, è l’inizio di un percorso di trasformazione che richiede impegno, adattamento e, soprattutto, un supporto psicologico qualificato.

Durante il mio percorso formativo e lavorativo ho seguito molte persone in percorsi di riabilitazione nutrizionale ed eseguito più di 200 valutazioni. Tale esperienza mi hanno dato la possibilità di riconoscere che ogni fase di questo viaggio richiede un intervento mirato e sensibile.

Il viaggio post-operatorio

Il supporto psicologico si rivela essenziale per affrontare le sfide post-operatorie, dalle aspettative alla realtà del cambiamento, dall’adattamento ai nuovi stili di vita alla gestione delle emozioni che emergono in risposta a queste profonde trasformazioni. Vediamo, insieme, gli ambiti e i benefici di un supporto qualificato.

Gestione delle aspettative

Una delle prime sfide che i pazienti affrontano nel percorso post-chirurgia bariatrica è la gestione delle aspettative. Spesso, esiste un divario tra la visione idealizzata della perdita di peso e la realtà del percorso post-operatorio. Come psicologa, lavoro con i miei pazienti per riallineare queste aspettative, utilizzando tecniche di riflessione e ridefinizione degli obiettivi. Questo processo aiuta a prevenire la frustrazione e a mantenere un atteggiamento positivo e proattivo verso i cambiamenti in corso.

Sviluppo di nuovi comportamenti alimentari

Il post-operatorio richiede un significativo adattamento nei comportamenti alimentari. I pazienti devono imparare a vivere con uno stomaco ridotto, che implica non solo la riduzione delle porzioni ma anche un cambiamento radicale nelle scelte alimentari. Si rende quindi indispensabile l’identificazione la modifica dei pattern alimentari disfunzionali, sostituendoli con strategie alimentari funzionali.

Gestione delle emozioni

La perdita di peso rapida e significativa dopo la chirurgia bariatrica può scatenare un turbine di emozioni. Molti pazienti sperimentano fluttuazioni nel loro stato d’animo, dalla euforia alla all’umore depresso, e possono trovarsi a dover affrontare questioni di autostima e identità che emergono man mano che il loro corpo cambia. Utilizzo tecniche specifiche per aiutare i miei pazienti a elaborare queste emozioni in modo funzionale, incoraggiando l’espressione dei sentimenti in un ambiente supportivo e costruttivo.

Prevenzione del Transfer Addiction

Un ulteriore aspetto meno noto, ma altrettanto importante del percorso post-bariatrico è il rischio di sviluppare nuove dipendenze o comportamenti compulsivi, noti come transfer addiction. Questo fenomeno si verifica quando il paziente trasferisce la dipendenza dal cibo a un’altra sostanza o attività, come alcol, droghe, gioco d’azzardo o acquisti compulsivi. Attraverso il monitoraggio e l’intervento precoce, sarà quindi utile identificare segnali di avvertimento e implementare strategie di coping alternative per gestire lo stress e le emozioni senza ricorrere a comportamenti nocivi.

Sostenere il cambiamento a lungo termine

Infine, il successo della chirurgia bariatrica nel lungo termine dipende dalla capacità del paziente di mantenere i cambiamenti di stile di vita. Il supporto psicologico offre un quadro per sostenere questi cambiamenti, aiutando i pazienti a stabilire routine sane, a superare le sfide e a prevenire le ricadute. Attraverso la definizione di obiettivi specifici, misurabili, raggiungibili, rilevanti e temporaneamente definiti (SMART), i pazienti possono continuare a progredire verso il loro benessere ottimale, mantenendo i risultati della chirurgia bariatrica e migliorando la loro qualità di vita.

Consolidare il percorso verso un benessere sostenibile

Il viaggio post-chirurgia bariatrica è intriso di sfide, trasformazioni e scoperte. Come psicologa specializzanda in psicoterapia cognitivo-comportamentale, ho l’onore di accompagnare i miei pazienti attraverso questo percorso, testimoniando la loro evoluzione e il loro coraggio.

La conclusione di questo percorso, tuttavia, non si concretizza nel raggiungimento di un “peso ideale” o in una specifica silhouette; piuttosto, si realizza nell’abbraccio di uno stile di vita che promuove il benessere fisico, emotivo e psicologico duraturo.

In ultima analisi, il successo della chirurgia bariatrica e del percorso post-operatorio non si misura solo in termini di perdita di peso, ma nella capacità di vivere una vita equilibrata, soddisfacente e salutare. Il mio obiettivo, come professionista del benessere, consiste nel di guidare i pazienti verso l’autorealizzazione e l’empowerment, in modo che possano non solo raggiungere ciò che desiderano, ma anche sostenere questi cambiamenti nel tempo.

Consulenza psicologica

Scopri il mio  metodo pratico e scientifico con il quale aiuto le persone a gestire ansia e stress. Il primo passo è senza impegno.